Perché gli hutong catturano l’autentico spirito di Pechino
News

Perché gli hutong catturano l’autentico spirito di Pechino

28-04-2022 07:30:00
La semplice menzione della parola hutong può evocare molte immagini diverse, dai vicoli monotoni e un po' innocui alle aree più appariscenti e signorili fiancheggiate da ristoranti, caffè, bar e pittoreschi negozi di articoli da regalo.

Che siano amati detestati, non si può negare che gli hutong siano parte integrante del carattere di Pechino. Inoltre, non si può negare che nella storia recente abbiano ospitato alcune figure ben note sia dalla Cina che dall'estero.
Gli hutong , stretti vicoli o vicoli fiancheggiati da tradizionali residenze a corte su entrambi i lati, risalgono alle dinastie Ming (1368 1644) e Qing (1644-1911) e rappresentano una forma di architettura che farai fatica a trovare fuori Pechino.
 

hutong2704-2.jpg
 
Il fotografo scozzese Bruce Connolly, residente da lungo tempo a Pechino, ha avuto la fortuna di assistere ai cambiamenti degli hutong di Pechino durante la sua permanenza in città.
“Sono venuto per la prima volta a Pechino nel 1987. A quel tempo, i grandi edifici e le strutture imperdibili dell'era imperiale erano nel programma della visita. Purtroppo, non sono stato portato a vedere i vecchi vicoli hutong di Pechino", dice Connolly.
“Nel 1994 sono tornato a Pechino; la città è il punto di partenza di grandi viaggi. Il mio hotel era in un hutong a sud di Yonghegong – Beixinqiao Santiao. È stata un'esperienza straordinaria. Lo adoro e sono tornato regolarmente nello stesso hotel durante le mie visite regolari negli anni '90”.
 

hutong2704-3.jpg
 
Connolly descrive la "vita da hutong " a cui ha assistito nei suoi primi giorni a Pechino. “Per i residenti il mondo era il vicolo. Sono successe così tante cose lì, un mondo così diverso dai pochi grandi magazzini e grandi hotel di Wangfujing o Jianguomen”.
 

hutong2704-4.jpg
 
I residenti degli hutong sono stati oggetto del libro “Destination Peking” dell'autore britannico Paul French. Il libro descrive in dettaglio 18 storie di espatriati che vivevano a Pechino durante la prima metà del 20° secolo, da scrittori ad attori e attrici a intellettuali e tutti gli altri nel mezzo.
French sottolinea l'importanza dell'hutong per comprendere Pechino.
“Un tema ricorrente in tutte le storie (di espatriati a Pechino) è la presenza degli esclusivi vicoli hutong, che – a seconda di chi eri – fornivano sontuose case, un posto dove nascondersi, luoghi in cui reinventarsi o luoghi da trasformare in templi per il Estetica di Pechino", scrive French.
“Forse il modo migliore per capire Pechino e la sua storia è esplorare gli hutong della città.”
 

hutong2704-5.jpg
 
Un altro dei libri di French, il bestseller "Midnight in Peking" del 2011, contiene la descrizione di un certo numero di hutong di Pechino. Il libro è basato sulla storia vera dell'omicidio della studentessa britannica Pamela Werner, un crimine avvenuto nel 1937 e che rimane irrisolto fino ad oggi. Il corpo mutilato di Werner è stato trovato vicino a Kuijiachang Hutong dove viveva con suo padre Edward Werner, un diplomatico e sinologo britannico in pensione.
La storia segue il detective britannico Dennis e il detective cinese Han, che hanno il compito di risolvere il caso. La loro indagine li porta negli "Badlands" hutong, tra cui Hougou e Chuanban Hutong, dove un certo numero di residenti stranieri di Pechino erano coinvolti nell'uso di oppio e nella prostituzione.
 

hutong2704-1.jpg
 
Oltre ai numerosi espatriati della città, la vasta rete hutong di Pechino comprende anche le ex residenze dell'uomo che scrisse l'inno nazionale cinese, un importante signore della guerra dell'inizio del XX secolo, la moglie dell'ultimo imperatore e molte altre figure affascinanti.
Molte di queste ex residenze sono alquanto modeste e, in alcuni casi, sono state demolite e trasformate in edifici residenziali più moderni. Inoltre, questi luoghi non si trovano sempre sul percorso turistico convenzionale di Pechino. E forse è proprio questo che li rende ancora più intriganti.
 
 
Originally published on Some of Beijing's Most Notorious Hutong Residents
Hits: 272