Isolarsi in nome dell’arte: la quarantena di Pang Kuan
News

Isolarsi in nome dell’arte: la quarantena di Pang Kuan

29-04-2022 07:30:00
Sono ormai passati diversi giorni da quando Pang Kuan ha iniziato a mettersi in quarantena in uno spazio grande quanto una scatola, non a causa del COVID-19, ma come parte della sua performance artistica dal vivo.

"Mangerò, berrò, giocherò, defecherò e dormirò su una piattaforma di 2,5 x 2,5 x 1,2 m per 14 giorni", ha scritto l'artista di Pechino sulla piattaforma di microblogging Weibo due giorni prima dell'inizio del progetto artistico di isolamento. "Ho acqua, riso, vino, snack, i vestiti più alla moda, un divano e un gabinetto".
Sebbene poco conosciuto per la sua arte, Pang è già un nome familiare nel mondo della musica. Fa parte del gruppo rock New Pants che ha guadagnato popolarità dopo aver vinto il concorso televisivo "The Big Band" nel 2019.
Non è chiaro perché Pang abbia scelto l'autoisolamento per le sue trasmissioni in diretta 24 ore su 24 dall'interno della Star Gallery nel 798 Art District della capitale. Si è confinato all'interno di un territorio segnato, con scatole di plastica che conservano i suoi oggetti essenziali accatastati l'uno contro l'altro accanto a una toilette portatile.
La performance art di Pang rispecchia i tempi attuali in cui decine di milioni di persone in tutta la Cina sono state confinate nelle loro case mentre le autorità cercano di contenere l'aumento dei casi di COVID-19.
 

quarantenaarte2804-3 (1).jpg
 
A Shanghai, 25 milioni di persone sono alla quarta settimana di lockdown. Pechino, nel frattempo, ha ordinato test di massa per i 12 distretti della capitale in mezzo a nuove infezioni. Le autorità locali di altre città minori come Hangzhou e Changzhou hanno inasprito le restrizioni su alcuni casi.
Lo spettacolo di Pang è stato aperto al pubblico il primo giorno, e poi è stato chiuso per "cooperare con la prevenzione e il controllo dell'epidemia", secondo un messaggio che ha scritto su un pezzo di carta affinché il suo pubblico potesse vederlo.
Ora appare dal vivo sul canale video WeChat di Star Gallery, 24 ore al giorno. La sua vita quotidiana e le sue attività sono in mostra davanti a tutti.
Peng è visto per lo più sdraiato sul letto, mentre gioca al telefono o è seduto sul divano, mentre la musica approvata dalla galleria funge da colonna sonora della sua esibizione. Si alza anche per allungarsi, spesso prende un pezzo di carta e una penna per scrivere, prepara pasti istantanei e poi usa il bagno secondo necessità con poca discrezione. L'artista è stato anche visto fare un test dell'acido nucleico in autoisolamento lunedì.
 

quarantenaarte2804-2.jpg
 
Pang non interagisce con il suo pubblico durante i suoi live streaming, nonostante gli spettatori abbiano inondato le trasmissioni di commenti. Molti sono divertiti dalla sua performance, mentre altri sono confusi. Alcuni hanno anche definito l'artista "un animale domestico virtuale" che vogliono adottare.
Tuttavia non tutti amano la performance di Peng. Alcuni critici d'arte hanno condannato il suo atto, mentre altri hanno elogiato il suo coraggio.
Lunedì sera, Pang ha usato Weibo per connettersi con il suo pubblico. Ha rifornito le sue scorte di cibo di riso e acqua con vino e ha condiviso le difficoltà nel riscaldamento dell'acqua dovute all'irregolare alimentazione elettrica.
Alla fine della sua nota pubblicata online, Pang ha scritto che stava esaurendo un bisogno quotidiano essenziale: "Non ho portato abbastanza biancheria intima", ha detto.
 
 
Originally published on A Beijing Artist Is Self-Quarantining in the Name of Art
Hits: 301